Progetto

Milano Expo 2015 – Padiglione Francia

chiudi
 

dettagli progetto

  • Ente appaltante FranceAgriMer
  • Nazione Italia
  • Settore edilizia, edilizia civile e sociale
  • Area Lombardia, Città Metropolitana di Milano, Milano
  • Importo
  • Località Viale 24
  • Stato Completato
  • Latitudine 45.518821

  • Longitudine 9.107429
chiudi
 

descrizione progetto

Un vero e proprio mercato coperto, interamente realizzato in legno, che richiama la cultura alimentare francese. E’  il Padiglione della Francia a EXPO MILANO 2015.

Realizzato da C.M.C, insieme a CMB di Carpi e alla francese SIMONIN, è ispirato a uno dei luoghi simbolo della cultura alimentare francese: il mercato coperto. I tratti distintivi del padiglione, che si apre su uno spazio di 3.592 metri quadri, sono proprio il grande mercato, posizionato al centro dell’edificio e il giardino della diversità agricola francese nella parte esterna, che presenta un susseguirsi di cereali, vegetali, colture miste e specializzate.

Dal punto di vista progettuale e corografico rappresenta una vera e propria porzione di territorio francese, capovolta e realizzata con oltre 1.200 m3 di legno d’abete proveniente dal dipartimento di Jura, interamente smontabile e riutilizzabile.

L’edificio si sviluppa su tre livelli: un piano terra, cuore dell’esposizione e due livelli superiori che ospitano uffici e spazi dedicati alla ristorazione e alla creatività. Quest’opera innovativa, progettata in modo da avere una ventilazione naturale grazie a elementi verticali in larice posti in facciata per rinfrescare gli ambienti nel caldo periodo estivo, è stata realizzata da Cmc  sulla base del progetto dello studio X-TU (Anouk Legendre e Nicolas Desmazière) con il supporto dello studio ALN Atelien Architecture (Nicola Martinoli e Luca Varesi), dello Studio Adeline Rispal, che ha curato la progettazione scenografica del padiglione, e di altri studi specialistici di progettazione.

Per la realizzazione del padiglione, che ha impiegato in cantiere una media di 70 uomini al giorno, con picchi di 100 uomini nelle fasi di massima operatività, sono stati necessari 213 giorni di lavoro.

Come si diceva, il padiglione  è realizzato completamente in legno e presenta una struttura primaria e secondaria curva composta da abete lamellare. Nel suo centro il grande mercato, cuore dell’esposizione. Elementi verticali in larice posti in facciata proteggono l’edificio dall’irraggiamento solare. Le interconnessioni tra le varie strutture lignee sono invisibili mentre tutte le costole sono state realizzate attraverso l’utilizzo di macchine a controllo numerico.

Il padiglione si sviluppa complessivamente su tre livelli e nasce da un’immagine tridimensionale di una corografia con rilievi e depressioni, sezionata e rovesciata per mostrarne l’interno ricco di concavità e convessità.

Nell'area frontale al padiglione è stato realizzato il giardino della diversità agricola francese, attraverso il susseguirsi di cereali, colture miste e specializzate, bestiame e vegetali.

L’edificio ha una superficie a pianta rettangolare di dimensioni 55 m x 34 m e si articola in un piano terra, con funzione espositiva, e due livelli superiori che ospitano uffici, spazi di ristorazione e ricreativi.

L’edificio ingloba al suo interno quattro vani scala in acciaio.

L’orditura è costituita da due ordini di archi mutuamente ortogonali ( di freccia e sviluppo variabile ), con allineamenti disposti a 45° rispetto il perimetro dell'edificio, posti a passo 1,5 m, utili a sostenere gli impalcati del 1° e 2° piano. Tale struttura è completata da una teoria di travi e pilastri, sempre in legno lamellare, che risulta ordita su una maglia generalmente pari a 4,5 m coperta dai pannelli di spessore 160 mm.

Le fondazioni sono costituite da una platea in calcestruzzo armato di spessore 50 e 55 cm nelle zone interessate dagli scarichi delle opere in elevazione, e 30 cm in corrispondenza della superficie espositiva centrale.

 

chiudi
 

immagine