Approvato il Piano triennale: nel 2018 fatturato a 1,4 miliardi di euro

© g.biserni-1602270214Sabato 27 febbraio l’assemblea dei soci della Cooperativa Muratori & Cementisti – C.M.C. di Ravenna ha approvato il Piano Industriale 2016/2018 presentato dal Direttore Generale Roberto Macrì, alla presenza del Presidente di C.M.C. Massimo Matteucci e del Presidente di Legacoop Romagna Guglielmo Russo.

Nel prossimo triennio, si prevede che il fatturato della cooperativa compia un ulteriore balzo in avanti grazie alle numerose attività svolte all’estero assestandosi nel 2018 a un valore di circa 1,4 miliardi di euro.

Nel 2015 C.M.C. di Ravenna ha consuntivato un fatturato di circa 1,1 miliardi di euro, in linea con il 2014, mentre il portafoglio ordini è cresciuto grazie a 1,6 miliardi di acquisizioni effettuate nel solo 2015 assestandosi su un valore di circa 3,5 miliardi di euro. La cooperativa è presente con attività produttive ed uffici commerciali in 25 paesi, in 4 continenti e realizza all’estero circa il 60% del proprio giro d’affari.

In Italia, nell’ultimo anno, C.M.C. ha ottenuto lavori per circa 485 milioni di euro principalmente acquisendo partecipazioni societarie o subentrando in contratti risolti a vario titolo da altri appaltatori. Fra le principali commesse realizzate nel corso del 2015 si segnala la realizzazione dei padiglioni Francia, Tailandia e Corea nell’ambito di EXPO Milano 2015.

All’estero le acquisizioni più importanti riguardano i progetti per la realizzazione di due gallerie stradali della tangenziale di Stoccolma in Svezia, quelli per la progettazione e la costruzione di due impianti idroelettrici in Kenya e quello per la realizzazione di un molo nel porto di Palm Beach in Florida.

Roberto Macrì, Direttore Generale di C.M.C. di Ravenna ha spiegato: “Le oculate scelte strategiche compiute negli ultimi anni ci stanno consentendo di compiere un salto di qualità e consolidare la nostra presenza all’estero. Il mercato dello scavo meccanizzato di gallerie ci vede sempre più protagonisti con 16 TBM(Tunnel Boring Machine) operanti nel mondo, di cui cinque in Italia”.

Qui il comunicato.

Lascia un commento

Tutti i campi sono richiesti