Presentato il Rapporto Sociale di Cmc

© g.biserni-1511140096Cmc ha presentato, sabato 14 novembre, davanti ad un attento pubblico, il Rapporto Sociale 2014 che illustra i risultati economici, sociali ed ambientali di una impresa che nasce nel 1901 ed ancora oggi è leader del mercato delle costruzioni.

Dopo un commosso ricordo delle vittime degli attentati di Parigi e il saluto del Sindaco di Ravenna, Fabrizio Matteucci, è toccato a Massimo Matteucci, Presidente della Cooperativa, Alfredo Fioretti, Vice Presidente e Federica Fusconi, Segretaria sociale, illustrare i principali dati raggiunti dall’impresa nel 2014.

Crescita del 25,35% dei posti di lavoro e oltre 11.000 ore di formazione erogate, oltre 20 mila euro di incentivi per il diritto allo studio, ben 600 mila euro investiti nella comunità ravennate per attività culturali, sportive e sanitarie.

Questi alcuni dei dati contenuti in “Dire, fare, partecipare”, il Rapporto Sociale della cooperativa.

Dal 2009 è, inoltre, attiva la C.M.C. University, scuola manageriale del gruppo finalizzata alla crescita e allo sviluppo delle figure professionali chiamate a sostenere la crescita della Cooperativa in Italia e nel mondo.

Questi investimenti sono stati resi possibili grazie al percorso di crescita, in linea con i piani industriali. Il perdurare della crisi in Italia ed il contesto internazionale sempre più competitivo e fortemente esposto a rischi di natura politica, sociale ed economica non hanno impedito al Gruppo di raggiungere oltre 1,1 miliardi di ricavi complessivi e un portafoglio ordini di circa 3 miliardi di euro. I ricavi sono così distribuiti: 61,4 % per il settore di infrastrutture e trasporti, 19,8% da opere idrauliche e irrigue, 13,1% dall’edilizia e 4,5% da opere marittime e portuali.

Durante la presentazione sono intervenute anche Cristina Muti Mazzavillani, Presidente di Ravenna Festival e Elsa Signorino, Presidente di Ravennantica.

Entrambe hanno sottolineato il prezioso contributo che, da molti anni, Cmc dà alle attività culturali di Ravenna.

Leggi il comunicato

Leggi il Rapporto Sociale

Lascia un commento

Tutti i campi sono richiesti