Nel cantiere della 640, un modello ben fatto per l’applicazione dei Protocolli di legalità

foto1“Abbiamo messo in piedi un modello per soddisfare i moderni protocolli di legalità che può essere adottato anche da altre realtà”. Questo in sintesi il senso dell’incontro che si è svolto oggi nella sede di “Empedocle2”, il contraente generale che si occupa dei lavori di ammodernamento della strada statale 640. Si è parlato dell’applicazione del Protocollo antimafia siglato in Prefettura, alla presenza del vice prefetto di Caltanissetta Licia Donatella Messina, è stato illustrato il modello antimafia applicato nei cantieri. Un metodo della Cmc di Ravenna e attuato in Sicilia proprio a Caltanissetta nei lavori di raddoppio della vecchia statale curati dal consorzio di imprese fatto da Cmc, Tecnis e Ccc.

“Abbiamo illustrato il nostro modello organizzativo – ha detto l’Ing. Pierfrancesco Paglini, project manager dell’Empedocle – che consente di disciplinare le attività di prevenzione ed evitare i tentativi di infiltrazione della criminalità”. “C’è un ufficio apposito che si occupa degli accessi delle persone e dei mezzi – ha aggiunto Paglini – degli accertamenti periodici delle ditte impegnate, dei controlli nelle aree di lavoro e negli oltre ottanta varchi di ingresso che vengono monitorati giorno e notte”.

Oltre all’ingegnere Paglini sono intervenuti il Dott. Giancarlo Perrotta, responsabile Unità protocolli di legalità dell’Anas, l’Ing. Dario Tita, responsabile dell’Ufficio Protocollo di Legalità di “Empedocle2” e il Dott. Calogero Nicosia, funzionario della Prefettura di Caltanissetta. Hanno partecipato al dibattito dirigenti di Anas, del Contraente generale, sindacalisti di Caltanissetta e altre autorità del territorio.

Intanto le attività lavorative nella 640 si intensificano. In corso di realizzazione 5 gallerie artificiali, 4 naturali, 13 viadotti, 10 cavalcavia e un cavalcaferrovia. E tra le gallerie principali, la “Caltanissetta” è la più importante che sarà realizzata da una mega talpa, la Tbm “Barbara”, che inizierà a scavare prima della stagione estiva. I lavori saranno ultimati fra due anni.

Salvatore Picone

 

 

Lascia un commento

Tutti i campi sono richiesti