La Cmc Robur Costa prima illude poi perde con Roma

Peccato. La Cmc gioca una buona partita, va sull’1-0 e lotta ma poi cede tutti i set in volata a Roma, che si impone. Spinto dal solito De Andrè ai limiti del tutto esaurito parte forte (3-1) il sestetto di Babini ma Zaytsev al servizio lo riprende (3-3). Riparte la CMC con Moro e v a 8-5. Ravenna continua a forzare il servizio e tiene un discreto vantaggio (14-11) soprattutto grazie a Moro e Quiroga, ma sono due muri consecutivi di Mengozzi a fare esplodere il De Andrè per il 16-11. Anche Sirri non sbaglia un colpo a muro e così la Cmc se ne va mentre Giani prova a cambiare regia mettendo Paolucci per Boninfante (20-12). Roma stringe i denti e con Lebl e Zaytsev si riporta sotto (21-19). Al De Andrè vengono un po’ di dubbi che Brunner provvede a smorzare (22-19) ed infine con le battute sbagliate di Sabbi e Zaytsev e il diagonale di Moro la Cmc può andare sull’1-0. Il vantaggio esterno all’inizio del secondo set (0-1) è solo un fuoco di paglia che Mengozzi e Moro provvedono a spegnere subito (5-2). Sirri è il protagonista assoluto del secondo set (8 punti) e tiene a distanza in attacco e a muro il tentativo di recupero (da 13-11 a 16-12) operato a metà set da Roma. Nuovo break di Roma sul 19-18 con i servizi di Zaytsev, poi è parità a quota 20. Mengozzi tiene avanti i suoi poi Brunner piazza il muro del 24-22 ma Roma annulla tre set-ball e va sul 25-26 con Bencz, autore di 7 punti in mezzo set. Zaytsev ha la palla buona ma la spara fuori però al secondo set-ball ci pensa Bencz. Equilibrio anche all’inizio del terzo parziale (5-5), poi Roma va avanti con il solito Bencz e l’ambiente si scalda quando Lebl, dopo una battuta sbagliata, manda a quel paese il pubblico ravennate. Due errori ospiti rimandano avanti la Cmc sull’11-10. Adesso è battaglia totale e Ravenna va a nozze con Corvetta e Moro (14-12) poi è il momento di Brunner (20-19) con quattro punti consecutivi, due dei quali a muro . Un miracolo difensivo di Tabanelli precede l’errore di Zaytsev che porta il 21-20 ma Bencz non molla e porta avanti i suoi (22-23) e Lebl mura Brunner al primo set-ball. Potrebbe essere una mazzata ma la Cmc c’è e lo dimostra andando subito sul 4-1 però Roma risponde con il solito Bencz (5-5) e poi la squadra ospite innesta un’altra marcia a muro e va avanti. Quiroga oppone una fiera resistenza ma Roma va 14-16. Il cuore della Cmc batte ancora con Quiroga ed è parità a quota 18 ma gli ospiti tornano ad alzare il muro sul 19-21. Ravenna non molla con il neo-entrato Leonardi e Moro ed è 21-21. Si va punto a punto ma è ancora Roma ed essere più lucida e concreta e così sfuma l’impresa di Ravenna. Nel dopo-partita questo è il commento di Antonio Babini: “Siamo partiti molto bene vincendo il primo set, poi l’ingresso di Bencz ha cambiato le carte in tavola ma ciononostante abbiamo avuto la possibilità di vincere anche i set successivi. Adesso è inutile recriminare anche perché la squadra mi è piaciuta. Purtroppo nei finali di set abbiamo pagato un briciolo di lucidità e di esperienza in meno da parte nostra”.

IL TABELLINO

CMC-M.ROMA 1-3 (25-22, 26-28, 23-25, 22-25)

CMC RAVENNA: Sirri 16, Brunner 15, Moro 15, Quiroga 13, Mengozzi 12, Corvetta 2, Tabanelli (L), Bendandi, Verhanneman, Gruzka, Leonardi 1. Ne: Roberts, Gallosti. All. Babini.

M.ROMA: Lebl 10, Boninfante 1, Zaytsev 23, Passier 5, Sabbi 3, Maruotti 14, Paparoni (L), Bencz 25, Paolucci, Cisolla. Ne: Politi, Corsano. All. Giani. Arbitri: Braico e Piersanti.

Note. Spettatori 2400, incasso 14.200. Durata set: 27’, 31’, 29’, 29’, totale 116’. Ravenna battute sbagliate 14, vincenti 1, muri 13, errori 5. Roma battute sbagliate 11, vincenti 2, muri 13, errori 11.

 

Lascia un commento

Tutti i campi sono richiesti