SS 640, concluso lo scavo della galleria Caltanissetta

0Il 15 giugno scorso è stato ultimato lo scavo della seconda canna della galleria “Caltanissetta”, nell’ambito dei lavori di costruzione della nuova strada statale 640, tra Agrigento e l’autostrada A19 “Palermo-Catania”. La TBM “Barbara” ha concluso lo scavo. Alla presenza del Prefetto di Caltanissetta Maria Teresa Cucinotta, del sindaco della città Giovanni Ruvolo e di altre autorità del territorio, accolti dai dirigenti di “Empedocle2” e dell’Anas, centinaia di operai hanno partecipato alla cerimonia di abbattimento del diaframma della seconda canna della galleria Caltanissetta. Don Vincenzo Guarino ha portato i saluti del Vescovo Mons. Mario Russotto.

L’intervento, per un investimento complessivo pari a 1,5 miliardi di euro, prevede la realizzazione di una nuova piattaforma stradale a carreggiate separate, ciascuna costituita da due corsie di 3,75 metri, una banchina esterna da 1,75 metri e una banchina interna da 1,25 metri, per una sezione stradale complessiva di larghezza pari a 23,50 metri.  La galleria Caltanissetta – la maggiore delle quattro gallerie naturali ma, in realtà, tra le più lunghe gallerie stradali della Sicilia – si trova su un tratto stradale di nuova realizzazione, in variante rispetto all’attuale tracciato della statale, nel comune di Caltanissetta. Il costo della galleria Caltanissetta ammonta a circa 210 milioni di euro.

La galleria sottopassa la collina di Sant’Elia con doppia canna, una per senso di marcia, con interasse tra i due scavi compreso tra 35 e 80 metri, una lunghezza di quasi 4000 metri (3971,34 metri in direzione A19, 3964,51 metri in direzione Agrigento), un diametro di scavo pari a 15,08 metri per una superficie di scavo pari a 178 metri quadrati, che consentirà di disporre di una corsia di emergenza per tutta l’estensione delle gallerie.

L’opera riveste particolare importanza anche sotto il profilo della tecnologia adoperata e della metodologia di scavo: è stato infatti realizzato tramite una fresa Tunnel Boring Machine – battezzata “Barbara” dagli operai del cantiere, in omaggio alla Santa protettrice dei minatori – che è la più grande TBM mai utilizzata dall’Anas e tra le più grandi e potenti costruite in Europa. Realizzata in Francia, nella zona di Lione, ha raggiunto il porto per l’imbarco verso la Sicilia tramite trasporto fluviale e stradale. Raggiunta Porto Empedocle via mare, è stata trasportata al cantiere di Caltanissetta tramite trasporti eccezionali. I 22 motori elettrici della macchina – ciascuno di potenza pari a 348 kW per una potenza complessiva di 7656 kW – hanno consentito una velocità massima di avanzamento, in fase di scavo, pari a 65 mm al minuto. Una volta scavato dalla testa rotante, il materiale veniva estratto dalla camera di scavo e portato verso la parte posteriore tramite un nastro trasportatore. La canna in direzione Agrigento, la prima ad essere realizzata, è stata ultimata in 290 giorni. Lo scavo della canna in direzione autostrada è stato avviato dopo 160 giorni, necessari per consentire lo smontaggio, la manutenzione e il riposizionamento della fresa che è lunga 115 metri. I tempi di realizzazione dello scavo di entrambe le canne sono stati di 545 giorni effettivi, con una media di scavo effettiva di 14,30 metri / giorno. Nell’ambito del secondo lotto, i cui lavori sono in corso da parte del contraente generale “Empedocle2″, le opere d’arte sono costituite da 6 svincoli, in adeguamento a quelli esistenti, 1 cavalcavia, 7 sottovia scatolari, 14 viadotti, 5 gallerie artificiali e 4 gallerie naturali.

Nel corso della cerimonia il responsabile del Contraente generale, l’Ing. Pierfrancesco Paglini, ha ringraziato tutti coloro che in questi anni hanno dato il proprio contributo per il grande risultato ottenuto.

(Foto di Alessandro Giudice Jyoti)

Inaugurato a Caltanissetta il “Giardino della legalità”

GiardinoUn giardino per un quartiere della città di Caltanissetta realizzato dalla Cmc di Ravenna. Un giardino che, attraverso un gioco di colori, ripercorre i volti e le storie di alcune vittime della lotta alla mafia. E’ il “Giardino della legalità” inaugurato ieri pomeriggio alla presenza del sindaco Giovanni Ruvolo, del presidente del Consiglio comunale Leyla Montagnino, del Vicario del Prefetto Baldassare Ingoglia, del comandante provinciale dei Carabinieri, colonnello Gerardo Petitto, del comandante provinciale della Guardia di Finanza Luigi Macchia, don Pino La Placa, vicario della Diocesi di Caltanissetta. Per la Cmc sono intervenuti Pierfrancesco Paglini e Tonino Russo e tanti tra impiegati e operai di “Empedocle2”, il Contraente generale che sta realizzando i lavori di ammodernamento della SS 640.

Tanti bambini con le loro famiglie hanno partecipato all’inaugurazione di uno spazio che riqualifica un quartiere della città, grazie anche alla tenacia del Comitato di quartiere che ha sempre creduto in quest’opera. E sono stati proprio i bambini a ricordare, nel giorno in cui la Sicilia e la Nazione hanno ricordato il 25mo anniversario della strage di Capaci, alcune vittime della lotta alla mafia: Peppino Impastato, Boris Giuliano, Piersanti Mattarella, Carlo Alberto Dalla Chiesa, Rosario Livatino, Antonino Saetta, Giovanni Falcone e Paolo Borsellino. I loro volti sono stati realizzati durante tutta la giornata dagli allievi dell’Istituto d’Arte “Manzoni – Juvara”, compreso il murales all’ingresso del Giardino che ricorda un’immagine di Falcone e Borsellino ormai simbolo del ricordo dei due giudici siciliani.

Momento assai particolare, per la Cmc, il ricordo del socio Davide Lopatriello scomparso lo scorso mese di aprile: una targa collocata all’ingresso dell’area ricorda le doti umane e professionali di colui che ha guidato nei cantieri siciliani l’Ufficio Protocollo di Legalità. A ricordare il collega l’Ing. Paglini che ha ringraziato per la presenza la moglie e i genitori di Davide Lopatriello.

Il “Giardino della legalità” è costituito da uno spazio a verde ed è articolato da un percorso didattico semiotico sulla legalità. Un’area di 7.000 mq. con il piano di gioco rappresentato da un percorso labirintico che si sviluppa lungo strisce colorate. Ogni percorso è caratterizzato da 4 colori differenti, ognuno di loro porta un significato simbolico preciso: marrone (colore della terra), giallo (colore del sole e delle colline nel periodo estivo nel nostro territorio), verde (colore della speranza), viola (colore della morte di tutti coloro che hanno sacrificato la loro vita per la giustizia).

Lungo il percorso, ideato e realizzato come da progetto dall’Arch. Marilena Bufalino, saranno collocate sette caselle contrassegnate sia da numeri che da personaggi che hanno perso la vita nella lotta alla mafia. Un lavoro artistico che sarà realizzato in collaborazione con l’Istituto d’Arte, grazie ad un progetto didattico sui temi della cultura della legalità.

La Betoniera è online!

Il secondo numero dell’anno 2017 della Betoniera in italiano  è online.  Potete leggerla o scaricarla dal nostro sito http://cmcgruppo.com o cliccando qui o dalla app Cmc Ravenna su IOs e Android. Fra i tanti articoli non potete perdere i saluti del Presidente Massimo Matteucci e un’intervista al nuovo Presidente Cmc Alfredo Fioretti.  

Per lo Stadio di Catania, 50 volti del calcio

Presentato ieri mattina allo stadio “Massimino” di Catania, il progetto di Urban Art 50 volti per il Cibali – La storia rossazzurra. Si tratta del murale che ritrae calciatori e personaggi che hanno fatto la storia del Calcio Catania, da realizzare lungo le mura dell’impianto sportivo. Accanto al sindaco Enzo Bianco all’appuntamento erano presenti i promotori […]

Catania, studenti da tutt’Italia nel cantiere della Circumetnea

Continuano le visite in cantiere, alla Circumetnea di Catania, da parte di studenti universitari interessati ai lavori di realizzazione della galleria e al metodo di scavo meccanizzato attraverso l’utilizzo della TBM. La scorsa settimana numerosi gli studenti che hanno approfondito le loro conoscenze attraverso la visita guidata in cantiere da parte dell’Ing. Nicola Bona. Il 18 […]

Premio “Fazio”, quinta edizione. Ecco il bando

Anche quest’anno il Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura dell’Università di Catania, con il contributo della C.M.C. di Ravenna, bandisce il premio Nazionale di Laurea alla memoria dell’Ing. Salvatore Fazio. Il premio di 2.000,00 euro sarà consegnato dal Dipartimento di Ingegneria Civile e Architettura alla migliore tesi di laurea, di argomento geotecnico, discussa tra l’1 […]

SS 640: abbattimento diaframma galleria Cozzo Garlatti

Ancora un altro passo avanti nei lavori di ammodernamento della SS 640. Ieri pomeriggio si è svolta la cerimonia di abbattimento del diaframma della seconda galleria “Cozzo Garlatti”, nei pressi del viadotto Salso, lunga circa 200 metri e realizzata con metodo di scavo tradizionale. Accanto ai lavoratori e ai dirigenti di “Empedocle2” e ad Anas […]

Scavo galleria Caltanissetta. Rush finale di “Barbara”

Con 1725 aneli già collocati, mancano poco meno di 500 metri per la conclusione dello scavo della seconda galleria “Caltanissetta”. Rush finale, dunque, per la Tbm “Barbara” che presto arriverà alla rottura del diaframma. Un lavoro importante, quello dello scavo dei due tunnel di quattro chilometri ciascuno, che segna un obiettivo fondamentale per i lavori di […]

Circumetnea Catania. Lavori in corso

Dal 4 aprile, per due mesi, saranno esplose alcune micro-cariche di esplosivo tra le ore 8:00 e le 14:00 e dalle ore 16:00 alle 18:00 nell’ambito dei lavori per il Potenziamento e trasformazione della Ferrovia Circumetnea. Le aree urbane interessate saranno quelle di Catania e Misterbianco e della tratta sub metropolitana fino a Paternò – […]

CMC partner di Coopstartup Romagna, il bando per le “giovani” cooperative

Il 15 marzo si è aperto il concorso per la creazione di nuove cooperative, una importante opportunità sostenuta da Coopfond, Legacoop Romagna e Coop Alleanza 3.0, in collaborazione con Legacoop Emilia Romagna che punta a favorire l’occupazione giovanile e lo sviluppo cooperativo. “Coopstartup” è rivolto a giovani che hanno tra i 18 e i 40 […]